LIVORNO : LA BANCHINA 76 TORNA IN USO ALLE RIPARAZIONI NAVALI

Lo scorso 21 gennaio,  in AP.si e' svolta una riunione in parte Tecnica ed in parte Istituzionale, erano presenti: CP-GC/AP.Dir.Centrale/AP. Tecnica/Jobson /Azimut ed AP Tecnica centrale.......Ma in gran parte il ns Pres. S.Corsini ci ha voluto dare un grande segnale ed indice di necessaria collaborazione tra i tutti presenti del tavolo, ed in maniera sintetica tra Azimut e Jobson concorrenti della gara pubblica,dovendosi impegnare a condividere le aree lavoro presenti con distinti programmi, così da iniziare graduatamente a riportare il lavoro in questa ns citta.

Personalmente alle sue dichiarazioni.....
. non vi e' stato minimo cenno di dibattito, perché delle poche volte che ricordo...oggi si e' parlato Sentitamente di necessaria condivisione verso la necessita di lavoro con economia di riflesso sulla città.
A questo invito, vanno le mie più gradite parole di ringraziamento vers AP e GC . Spero che questo suo messaggio ,lanciato come invito a riportare il lavoro, sia d…

SPROFONDA IL MITO DELLA MAGNIFICA SANITA' TOSCANA DEL GOVERNATORE ROSSI E DELL' ASSESSORE SACCARDI

Ed i lunghi tempi d' attesa per le visite specialistiche stanno irrimediabilmente facendo sprofondare la Toscana nelle varie classifiche stilate dalle agenzie indipendenti che rilevano la qualita' della sanita' pubblica nelle varie regioni italiane. Ed uno studio redatto dalla Fondazione Gimbe boccia clamorosamente la regione Toscana che non pubblica i dati sui tempi d' attesa delle visite specialistiche. Solo cinque regioni lo fanno e sono Basilicata, Emilia Romagna , Lazio e Valle d' Aosta e provincia autonoma di Bolzano. Invece la Toscana insieme a Campania e Molise non fornisce alcun dato sui tempi delle liste d' attesa. Ma un' altra clamorosa bocciatura per la sedicente " magnifica sanita' " del governatore Rossi e dell' assessore Saccardi , e' venuta un mese fa con l' esclusione della Toscana dalla classifica delle regioni al top , stilata dal ministero della Salute, classifica che serve da modello al fine di determinare i costi ed i fabbisogni standard del servizio sanitario nazionale, esclusione dovuta al grosso deficit di gestione registrato nel 2015. E proprio il deficit sanitario toscano ha costretto i vertici regionali del Pd a riformare le mega usl nel vano tentativo di ridurre i costi e soprattutto gli sprechi, ma anche questa riforma si sta rivelando un totale fallimento, perche' fino a che governera'  in Toscana , andra' avanti questo fallimentare sistema sanitario fatto di pesanti commistioni del potere politico sul sistema sanitario regionale, dove efficienza, trasparenza, merito e costi sono parametri da rispettare.
OSSERVATORE TOSCANO

Commenti